Nasa, foto di animali nello Spazio per test di comunicazione

 

New York, 18 Giugno 2024 – Gli animali di affezione, (non solo cani e gatti ma anche mucche, maiali ecc) tornano ad essere i protagonisti della ricerca scientifica in ambito spaziale anche se non in carne e ossa. Sono infatti centinaia le foto e i video che li ritraggono inviate dalla Nasa dalla Terra alla Stazione spaziale internazionale (Iss) per testare un nuovo sistema di comunicazione laser che potrebbe aprire le porte verso un futuro in cui le connessioni con le missioni spaziali saranno migliori.

Prendendo ispirazione dai numerosi test sulla comunicazione condotti dalla Nasa lo scorso anno che avevano visto protagonista un altro animale: un gatto soriano di nome Taters ripreso mentre giocava sul divano ignaro che il video savrebbe giunto alla distanza record di 31 milioni di chilometri raggiungendo la sonda spaziale Psyche, (missione rinominata Deep Space Optical Communications) l’attuale test ha come obiettivo la ricerca di un sistema di comunicazione che consenta di evitare perdite di segnale, di dati o ritardi nelle comunicazioni con gli astronauti (compresi sonde e satelliti) impegnati nelle missioni spaziali.

La missione

La Nasa ha inviato le immagini tramite un computer del centro operativo del Nuovo Messico a Las Cruces e instradati alle stazioni ottiche di terra in California e Hawaii per essere tradotte in segnali di luce infrarossa e, solo a questo punto, inviate in orbita dove prima di arrivare al sistema IllumiaT montato sulla Stazione spaziale internazionale, sono giunte al satellite Lcrd, per poi ritornare sulla Terra. Il tutto a una velocità di 1,2 gigabit al secondo, dato che garantisce l’invio di una mole di dati considerevole.

Una rivoluzione che potrebbe mandare in pensione il sistema consolidato delle comunicazioni in radiofrequenza adottato dall’Agenzia fin dall’inizio delle prime esplorazioni spaziali, in virtù di un sistema più performante che sfrutta al posto delle onde radio la luce infrarossa per l’invio e la ricezione di informazioni. Tale sistema inoltre garantisce con un solo collegamento di inviare in sicurezza un flusso maggiore di informazioni, grazie al raggio ristretto della luce laser infrarossa, assicurando quindi maggiore efficienza dei sistemi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *